domenica, 25 settembre 2016 - Direttore: Antonio Gigliotti

Editoriali

Editoriali

30 gennaio 2016

CARO ZANETTI…

Cari amici e colleghi,
guardando i diversi politici che ci ritroviamo, penso che fare il politico (ovviamente non in tutti i casi), nella mente di chi lo fa (anche solo per finta) non sia un vero e proprio lavoro. Quante volte noi italiani ci siamo domandati per quale motivo la maggioranza dei nostri politici non avesse un lavoro prima di varcare
la soglia di Montecitorio o Palazzo Madama? E quante altre volte ci siamo chiesti cosa avrebbero fatto una volta terminata la carriera in Parlamento?

Ritengo che Enrico Zanetti non avrà questo problema. Perché, a differenza di molti, un lavoro lo aveva già prima di diventare un politico: all’inizio Sottosegretario e ora Viceministro all’Economia. Era un Commercialista, era uno di noi.
Non posso non ricordare gli scontri che abbiamo avuto, per altro costruttivi.
Ci trovavamo su fronti opposti sia nella politica di categoria, che nella direzione di due quotidiani.

Ma terminata la bufera che ha investito noi commercialisti – e ci ha visti commissariati – ho rincontrato Zanetti. Da Sottosegretario ha rilasciato al mio giornale alcune interviste. E io, come Direttore di un quotidiano economico e fiscale, sono fiero che un Professionista possa rappresentare la nostra categoria al Governo.
È indubbio che oltre alla dialettica che contraddistingue il collega Zanetti c’è anche una certa professionalità (possiamo dirlo per tanti altri politici?). In virtù di ciò, non posso che esprimere la mia soddisfazione nel vedere al Governo un collega e non una pedina spostata ora qui, ora lì nel gioco feroce della politica.

A Zanetti non posso perciò che rivolgere anche la preghiera di riuscire a far capire ai “piani alti” che, una cosa è la politica, altra è la realtà. Spero che il nuovo Viceministro all’Economia non si faccia contagiare da una politica che in Italia sta diventando sempre di più “casta” (e non nel senso di “integra”!!!), sempre di più lontana dai bisogni del cittadino. Spero che Enrico Zanetti non dimentichi da dove proviene perché allora, noi tutti Commercialisti, avremo perso ancora l'ennesima possibilità.

In bocca al lupo...caro Enrico.
Autore: DR. ANTONIO GIGLIOTTI

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.

FRANCESCO CARDINALE02/02/2016

Condivido l'invito di Gigliotti rivolto a Zanetti e mi auguro che il Vice Ministro possa sostenere le istanza di noi commercialisti che siamo quotidianamente impegnati in vere e proprie battaglie con il Fisco e le Commissioni Tributarie per effetto un atteggiamento pro-fisci ante litteram che poco ha a che vedere con i diritti che la Costituzione garantisce ai cittadini.
Siamo fiduciosi Zanetti
Francesco Cardinale

VITO CLEMENTE30/01/2016

Mi associo al Tuo pensiero ed agli auguri al viceministro. Tuttavia, non posso non esprimere scetticismo riguardo alle Tue aspettative. Tu conosci bene la differenza fra un professionista "semplice" ed uno politico. A Palazzo, le logiche di economia, buon senso, gestione (intellettualmente) onesta della res publica hanno priorità diverse; al primo posto ci sono le regole di partito. Te lo dice uno che ci ha provato e ne è scappato, dispiaciuto per non essere riuscito a versare una goccia di buon governo in un oceano di affari ad personam. Rimane la fievole speranza di sbagliarmi.

Giancarlo COLUCCI30/01/2016

anch'io aggiungo volentieri il mio plauso per la nomina a viceministro e mi auguro veramente di cuore che colui che ha avuto la fortuna e l'onore di dirigere il primo quotidiano di categoria possa, da illuminato conoscitore della materia, fare il bene non di questa categoria, ma dell'Italia che lavora tutta e che sta morendo di sanzioni e di assurdi adempimenti e agevolazioni fiscali.

Rubriche Video

Il punto di Gigliotti

Interventi TV

img radio inblu
9 settembre 2016

Radio inBlu - Studi di settore: le novità in arrivo

Radio inBlu - 09 settembre 2016 - Dott. Antonio GIGLIOTTI

Vai all’archivio

Non solo Fiscal