martedì, 02 settembre 2014

 
15 febbraio 2011

Acquisto azioni proprie

Fiscal News N. 71-2011

Attraverso tale operazione le società acquistano sul mercato azioni proprie per tenerle in portafoglio e successivamente annullarle o venderle. Il criterio di valutazione delle azioni proprie dipende, come tutte le attività finanziarie, dalla destinazione economica delle stesse (immobilizzi o circolante).
L'acquisto di azioni proprie ha conosciuto presso le aziende un certo successo quando la Risoluzione del Ministero delle Finanze n. 9/576 del 20 aprile 1979 pareva consentire nel successivo annullamento la creazione di sopravvenienze passive deducibili e quindi riconoscere dei risvolti reddituali ad operazioni che, come vedremo in seguito, interessano solo ed esclusivamente lo stato patrimoniale . L'elemento fiscale non è l'unico incentivo ad avviare queste operazioni, visto che le società per azioni a ristretta base azionaria e con elevata liquidità possono di fatto attribuire agli azionisti cedenti parte di questa liquidità esuberante sotto forma di differenza tra prezzo d'acquisto e valore nominale delle azioni senza attendere la distribuzione di dividendi.
Categorie:Bilancio e contabilità > Principi contabili
  • Acquisto azioni proprie (219 kB)
Acquisto azioni proprie - Fiscal News N. 71-2011€ 5,00

(prezzi IVA esclusa)