venerdì, 24 febbraio 2017 - Direttore: Antonio Gigliotti

Quotidiano

Giurisprudenza

sentenza
24 febbraio 2017

Società in concordato. Rischio d’insolvenza fraudolenta

Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 23 febbraio 2017

Se la società stipula un contratto quando il dissesto è conclamato, il suo amministratore potrebbe essere chiamato a rispondere del reato d’insolvenza fraudolenta, ai sensi dell’articolo 641 del codice penale. È quanto emerge dalla sentenza n. 8893/17 della Seconda Sezione Penale della Corte di…
sentenza
24 febbraio 2017

Acquisto con cambiali. Il “redditometro” non opera

Cassazione Tributaria, ordinanza pubblicata il 23 febbraio 2017

Con una breve ordinanza pubblicata ieri - numero 4748/17, con motivazione semplificata - la Sottosezione tributaria della Corte di Cassazione si è pronunciata in materia di accertamento sintetico, accogliendo il ricorso del contribuente. Gli Ermellini hanno attribuito rilievo decisivo alla…
SENTENZA
23 febbraio 2017

Iscrizione d’ipoteca senza preavviso. Il giudice la cancella

Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 22 febbraio 2017

L’iscrizione ipotecaria per le cartelle non pagate è illegittima quando l’Agente della riscossione non ha inviato una comunicazione preventiva al debitore, al quale, nel rispetto del principio del contraddittorio endoprocedimentale, va sempre concesso un termine di trenta giorni per rendere…
SENTENZA
23 febbraio 2017

I contratti stipulati all’estero non evitano le tasse in Italia

Cassazione Tributaria, sentenza pubblicata il 22 febbraio 2017

Le tasse si pagano in Italia se il fisco documenta l’esistenza di uno stretto collegamento e l’intreccio d’interessi tra il legale rappresentante nonché socio di maggioranza della società non residente e varie società aventi sede nel Belpaese. È quanto emerge dalla sentenza n. 4576 pubblicata ieri…
equitalia
22 febbraio 2017

Interessi di mora. La cartella non deve indicare l’aliquota

Cassazione Civile, sentenza pubblicata il 21 febbraio 2017

La cartella di pagamento che non indica l’aliquota che sarà applicata ai fini del calcolo degli interessi di mora è valida. È sufficiente, al riguardo, il richiamo dell’articolo 30 del D.P.R. n. 600/73. Lo stabilisce la sentenza n. 4376/17 della Sesta Sezione Civile – 3 della Corte di Cassazione. Il…
SENTENZA
22 febbraio 2017

Fallimento. Il credito dell’amministratore non è privilegiato

Cassazione Civile, sentenza pubblicata il 21 febbraio 2017

Il compenso in favore dell'amministratore di società non costituisce un credito assistito dal privilegio generale di cui all'articolo 2751-bis del codice civile. È quanto è tornata a ripetere la Corte di Cassazione in materia fallimentare con la sentenza n. 4406/17, pubblicata ieri dalla Prima…
sentenza
21 febbraio 2017

Evasione fiscale. Sequestro motivato col “taglia e incolla”

Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 20 febbraio 2017

L’indagato per evasione fiscale può ottenere l’annullamento del provvedimento di sequestro preventivo funzionale alla confisca “per equivalente” motivato dal Giudice delle indagini preliminari attraverso il mero richiamo degli atti del procedimento. È quanto emerge dalla sentenza 20 febbraio 2017,…
SENTENZA
21 febbraio 2017

Frode fiscale. No alla sospensione del commercialista indagato

Cassazione Penale, sentenza pubblicata il 20 febbraio 2017

Nell’ambito dell’indagine per frode fiscale, il divieto temporaneo di esercitare l’attività di commercialista è illegittimo quando le fatture false sono state formate dai clienti dopo la presentazione della dichiarazione dei redditi. È quanto emerge dalla sentenza n. 7941/17 della Terza Sezione…
CASA TASSE
20 febbraio 2017

Prima casa. Il cassaintegrato perde il bonus

In tema di agevolazioni “prima casa”, il collocamento temporaneo in CIG dopo il rogito non integra, di per sé, l’esimente della forza maggiore. Perciò il contribuente cassaintegrato perde l’agevolazione se vende l’abitazione prima di cinque anni e non dimostra l’impossibilità di pagare il mutuo. È…
sentenza
20 febbraio 2017

Riciclaggio. Acquisto d’immobile con somme “distratte”

L’immobile acquistato con i soldi provenienti dal delitto di bancarotta fraudolenta è confiscabile poiché “profitto” del reato di riciclaggio. Con la sentenza n. 6262/17, la Quinta Sezione Penale della Cassazione conferma la condanna per riciclaggio riguardante una donna che ha reimpiegato i…