Registrati ora
Abbonamenti

L'esperto risponde

20 giugno 2019
Categorie: Regimi speciali > Regime Forfettario

Compensi corrisposti dal forfettario al professionista con cassa

Nel quadro RS si riporta solo “l’imponibile”

Autore: Andrea Amantea
esperto risponde - dubbio - domanda - quesito - interrogativo
Domanda- Un contribuente forfetario ha corrisposto, nel 2018, dei compensi ad un professionista con cassa, nella cui fattura è indicato il contributo cassa di previdenza pari al 4%. Come devono essere indicati i suddetti compensi nel quadro RS? Vanno sottratti gli importi afferenti la cassa di previdenza avvocati e l’Iva?

Risposta- I soggetti che applicano il regime forfetario, Legge 190/2014 e ss.mm.ii.:

a) sono esonerati dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili, fermo restando l’obbligo di tenere e conservare i registri previsti da disposizioni diverse da quelle tributarie (comma 69);
b) sono esclusi dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (articolo 2, comma 1, lettera b), del D.M. 23 marzo 2018 e articolo 2, comma 1, lettera b-ISA), del D.M. 28 dicembre 2018);
c) al netto di quanto previso dal D.L. 34/2019 per i redditi da lavoro dipendente e per quelli ad essi assimilati, non sono tenuti ad operare le ritenute alla fonte, pur essendo obbligati a indicare in dichiarazione il codice fiscale del soggetto a cui sono stati corrisposti emolumenti senza operare, all’atto del pagamento, la relativa ritenuta d’acconto;
d) non sono soggetti alla ritenuta d’acconto in relazione ai ricavi o compensi percepiti; a tal fine sono tenuti a rilasciare un’apposita dichiarazione al sostituto, dalla quale risulti che il reddito cui le somme percepite afferiscono è soggetto all’imposta sostitutiva.


Il quadro RS da lei citato nel quesito è legato agli obblighi informativi previsti in capo ai contribuenti forfetari e, in parte, richiamati alla lettera c) di cui sopra.

Il comma 69 della Legge 190/2014 e ss.mm.ii. dispone, appunto, che “nella dichiarazione dei redditi, i medesimi contribuenti indicano il codice fiscale del percettore dei redditi per i quali all'atto del pagamento degli stessi non è stata operata la ritenuta e l'ammontare dei redditi stessi”. Tali indicazioni, sono effettuate dal contribuente forfetario che ha corrisposto compensi a soggetti terzi, nel quadro RS del modello Redditi PF 2019.

Detto ciò, nel suddetto caso, nel modello Redditi PF 2019, nel rigo RS 371, colonna 2, andrà indicato il solo “imponibile” legato alla fattura di cui al quesito ossia, in via generale, onorari e spese generali; non saranno dunque da indicare né la rivalsa cassa di previdenza pari al 4% né l’Iva.
.
fascia mini ebook CAUSE OSTATIVE
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata