Registrati ora
Abbonamenti

L'esperto risponde

17 ottobre 2019
Categorie: Iva > Corrispettivi

Generazione documento online mediante procedura web

Autore: Serena Pastore
IMG ESPERTO RISPONDE
Domanda - Un mio cliente è un esercente attività di commercio all’ingrosso di prodotti caseari ed usufruisce del regime forfettario. Utilizza come metodo di certificazione la fatturazione elettronica, ma a volte deve emettere qualche scontrino fiscale. Alla luce dell’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, il mio cliente non ha intenzione di acquistare un registratore telematico considerato che emette un numero irrisorio di scontrini e che, per altro, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un servizio online per generare i nuovi documenti commerciali. Come funziona tale servizio?

Risposta- Il servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate è rivolto a quei contribuenti che solitamente utilizzano come metodo di certificazione standard ed utilizzato di sovente l’emissione di fatture elettroniche, ma che in taluni casi hanno necessità di emettere alcuni scontrini o poche ricevute fiscali. Ebbene questi soggetti, grazie al servizio gratuito dell’Agenzia, non dovranno dotarsi di registratore telematico o di stampante RT, ma potranno utilizzare il servizio on-line per l’emissione del documento commerciale.

L’utilizzo della procedura “Documento Commerciale On Line” è possibile solo tramite accesso con le proprie credenziali riservate a Fatture e Corrispettivi. L’eventuale intermediario delegato, seppure abbia accesso alla sezione Corrispettivi del contribuente, non può operare sulla procedura Documento Commerciale On Line.

Pertanto, il contribuente che voglia utilizzare l’applicazione dell’Agenzia delle Entrate dovrà:
  • essere dotato di computer o altro dispositivo avente accesso ad internet;
  • dotarsi di credenziali proprie di accesso a Fatture e Corrispettivi (codici Fisconline, Entratel, SPID, carta CNS);
  • essere dotato di stampante per la produzione della copia del documento commerciale da consegnare all’acquirente. Il documento commerciale può anche essere trasmesso con modalità elettronica, ma solo con il consenso dell’acquirente.

Per utilizzare la funzione di emissione del documento commerciale on line, il contribuente dovrà accedere alla propria area riservata di Fatture e Corrispettivi, inserendo le proprie credenziali all’indirizzo web https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/.

Dopo essersi accreditati, occorre quindi selezionare “Documento commerciale On Line”, nella sezione Corrispettivi e selezionare la funzione “Generazione”. Nella schermata seguente saranno indicati i dati del soggetto emittente il documento commerciale, che in parte saranno precompilati secondo quanto risultante nell’anagrafe dell’Agenzia delle Entrate, tra cui la denominazione, il nome e cognome, l’indirizzo, il numero civico e il cap. Gli utenti dovranno inserire manualmente:
  • il comune;
  • la provincia.

A questo punto è possibile procedere con l’emissione del documento commerciale precisando:
  • il tipo di documento (vendita, reso, annullo);
  • la data di emissione (precompilata ed immodificabile, corrispondente al momento di imputazione);
  • il dettaglio dei beni ceduti o servizi prestati (quantità, prezzo, eventuale sconto ed aliquota IVA applicabile).

È necessario inserire i dati obbligatori richiesti evidenziati in giallo e con l’asterisco, senza i quali, tra l’altro, non è possibile emettere il documento, e in fondo alla pagina è mostrata una legenda degli eventuali errori che non consentono la chiusura del documento commerciale. Il prezzo unitario da indicarsi è al netto di IVA, che viene calcolata dal sistema ed aggiunta al totale dopo aver selezionato l’aliquota applicabile.
In seguito all’inserimento dei dati obbligatori, la procedura calcola in tempo reale il totale del documento commerciale e non permette di proseguire se non si imputa a quadratura la modalità di riscossione del prezzo.

A questo punto il sistema consente di verificare il documento e di procedere alla conferma. A questo punto Il documento commerciale viene prodotto in PDF per poter essere stampato o trasmesso elettronicamente all’acquirente.

A partire da tale momento l’operazione è già memorizzata in via definitiva nei server dell’Agenzia delle Entrate e pertanto in caso di errore non si potrà fare altro che emettere un nuovo documento commerciale, di annullo.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata