L'esperto risponde

9 gennaio 2019
Categorie: Finanziaria > Legge di Bilancio 2019

Estromissione 2019 anche per l’immobile locato

Autore: Pasquale Pirone
calcolo fisco tasse imu casa immobili locazione
Domanda – La legge di Bilancio 2019 ha previsto la possibilità, per l’imprenditore individuale, di estromettere gli immobili strumentali così come era stato previsto per il 2016 e 2017. Poiché sono un imprenditore individuale che ha tra i propri immobili strumentali un locale commerciale (C/1) ed uno uso ufficio (A/10) e poiché dal 2 gennaio 2019 ho ceduto in locazione quest’ultimo locale, sono a chiedere se potrò comunque esercitare l’opzione di estromissione. In altre parole potrò estromettere l’A/10 nonostante l’immobile risulti poi locato?

Risposta – Dopo le edizioni di estromissione 2016 e 2017, previste con le rispettive Leggi di Bilancio, e dopo che l’edizione non è stata riproposta per il 2018, il Legislatore con il comma 66 della Manovra 2019 ha deciso per una nuova edizione.

In particolare è stata prevista, per l’imprenditore individuale (sono, quindi, escluse le società) la possibilità di estromettere dalla sfera imprenditoriale gli immobili strumentali (per destinazione e per natura) posseduti alla data del 31 ottobre 2018.

La scelta va fatta con opzione tramite comportamento concludente da assumersi entro il 31 maggio 2019 (il bene fuoriesce dalla sfera imprenditoriale con effetto retroattivo dal 1° gennaio 2019) e comporta il versamento di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF, addizionali e dell’IRAP pari all’8% da calcolarsi sulla differenza tra valore normale e valore fiscale del bene estromesso. Il versamento andrà fatto in due rate di cui la prima (pari al 60%) da versarsi entro il 30 novembre 2019 e la seconda (pari al restante 40%) da pagarsi entro il 16 giugno 2020.
La procedura si perfezionerà con l’indicazione nel Modello Redditi PF/2020 dei valori (normale e fiscale) del bene estromesso e dell’imposta sostitutiva.

L’esercizio dell’opzione per l’estromissione 2019 può avvenire solo con riferimento agli immobili “strumentali” posseduti dall’imprenditore alla data del 31 ottobre 2018 e precisamente per:
  • immobili strumentali per destinazione, ossia quelli che sono utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’impresa indipendentemente dalle caratteristiche specifiche;
  • immobili strumentali per natura, cioè quelli che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni e che si considerano strumentali anche se non utilizzati direttamente dall’imprenditore o anche se dati in locazione o comodato. In particolare si considerano strumentali per natura gli immobili rientranti nei gruppi catastali B, C, D, ed E e nella categoria A/10 qualora la destinazione ad ufficio sia prevista nella licenza o concessione edilizia, anche in sanatoria.

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 26/E/2016, gli immobili strumentali per natura (qual è un A/10) possono essere estromessi anche se non siano impiegati nel ciclo produttivo dell’impresa o non lo siano direttamente, perché dati a terzi in locazione o comodato.

Dunque, nel caso in esame (e fermo restando che il citato orientamento si intenda confermato anche per l’edizione 2019), nel rispetto di tutti i requisiti previsti, l’immobile locato potrà essere estromesso.

.
fascia webinar 08.02
FASCIA CORSO LA LEGGE DI BILANCIO 2019
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata