L'esperto risponde

14 settembre 2018
Categorie: Dichiarazione > Modello Redditi 2018

Modello redditi: la doppia dichiarazione correttiva nei termini

Autore: Pasquale Pirone
esperto risponde - dubbio - domanda - quesito
Domanda – Un contribuente aveva presentato, in data 31 luglio 2018, il proprio Modello Redditi PF/2018 da cui scaturiva un saldo IRPEF a credito di euro 1.200 chiesto integralmente a rimborso. Successivamente si è accorto di aver omesso l’indicazione (tra gli oneri deducibili) dei contributi versati nel 2017 per la badante che accudisce il padre. Il 3 settembre scorso ha presentato, dunque, un Modello Redditi PF/2018 correttivo nei termini inserendo l’onere che mancava.

Ad oggi, però, si è accorto di aver omesso anche l’indicazione di alcune spese sanitarie che darebbero diritto alla relativa detrazione d’imposta (l’importo non indicato è abbastanza elevato). Si chiede di sapere se, nonostante abbia già presentato un precedente modello correttivo, può ripresentarlo per eseguire l’ulteriore integrazione. In altre parole, è possibile presentare un Modello Redditi PF/2018 correttivo di un correttivo?

Risposta – In primo luogo è opportuno ricordare che il termine di scadenza per la presentazione del Modello Redditi PF/2018 è fissata al prossimo 31 ottobre.

Come si evince dalle istruzioni ministeriali al modello dichiarativo in commento, nel caso in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine di presentazione (31 ottobre), rettificare o integrare una dichiarazione già presentata, deve compilare una nuova dichiarazione (ossia un nuovo Modello Redditi), completa di tutte le sue parti, barrando la casella “Correttiva nei termini”. In tal modo è possibile esporre redditi non dichiarati in tutto o in parte ovvero evidenziare oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione, non indicati in tutto o in parte in quella precedente. Nel caso in cui, invece, lasci passare il 31 ottobre, questi, comunque, potrà presentare una dichiarazione integrativa con cui corregge la precedente e potrà farlo entro il 31 dicembre del 5° anno successivo quello di presentazione della dichiarazione che si va a correggere.

Dunque, nel caso oggetto del quesito, il contribuente ha presentato un Modello Redditi PF/2018 correttivo nei termini in data 3 settembre per correggere la dichiarazione presentata il 31 luglio. Ora vorrebbe presentare nuovamente un Modello Redditi PF/2018 per integrare ulteriormente la dichiarazione presentata il 3 settembre. La risposta al quesito può essere data in senso affermativo poiché in ogni caso l’ultima dichiarazione “correttiva” sarà quella ritenuta valida dall’Agenzia delle Entrate (in pratica, l’ultima presentata sostituirà quella precedente).
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata