Giustizia & Lavoro

23 maggio 2019
Categorie: Previdenza e lavoro > Varie

Omissione contributiva. Consumazione del reato

Giustizia e Lavoro n. 20 - 2019

sentenza - giurisprudenza - giustizia
Il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali, in quanto illecito omissivo istantaneo, si consuma alla scadenza del termine entro il quale il datore di lavoro deve versare le ritenute operate sulle retribuzioni corrisposte ai propri dipendenti.
Per quanto riguarda, invece, la diffida dell’INPS, da cui decorre il termine per avvalersi della causa di non punibilità costituita dall’estinzione del debito previdenziale entro tre mesi, la notifica al datore di lavoro può dirsi perfezionata con la consegna a mezzo del servizio postale anche a una delle persone con lui conviventi o addette alla casa, oppure al curatore fallimentare.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
  • Omissione contributiva. Consumazione del reato (283 kB)
Omissione contributiva. Consumazione del reato - Giustizia e Lavoro n. 20 - 2019€ 4,00

(prezzi IVA esclusa)

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.