Registrati ora
Abbonati

News 24

17 settembre 2021

Ore 10:00 - Draghi: “green pass obbligatorio sui luoghi di lavoro? Strumento necessario per continuare ad aprire il Paese”

Nella giornata di ieri, il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto, che dal 15 ottobre, estenderà il green pass obbligatorio a tutti i lavoratori. Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha ribadito ai propri ministri, quanto tale misura sia essenziale per continuare a riaprire in sicurezza. A tal proposito, risulta necessario incentivare gli italiani a vaccinarsi, attraverso una “strategia universalistica”, come la definisce Brunetta, che coinvolga tutto il mondo del lavoro.

Il decreto è stato approvato da tutta la maggioranza, inclusa la Lega, nonostante la contrarietà manifestata da Salvini.
L’ unica tensione che si è verificata, è stata quella tra il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini, il quale chiede di aumentare la capienza di cinema e teatri al 100%, e il ministro della Salute, Roberto Speranza, che si dice contrario. In merito, il premier Draghi ha rinviato la decisione, che dipenderà dai dati epidemiologici, a fine settembre. Anche il vertice con i governatori, guidato da Massimiliano Fedriga, si è svolto in un clima sereno.

Inoltre, la proposta di Giorgetti di estendere l’efficacia dei tamponi da 48 a 72 ore, è stata accolta con favore dal governo. Per quanto riguarda, invece, la richiesta di Salvini e dei sindacati, di rendere i tamponi gratuiti, Draghi non si smuove. Tuttavia, ha accettato, su insistenza del ministro Orlando, di diminuirne il costo.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Per inserire i tuoi commenti è necessario registrarsi.