8 luglio 2022

Piano di concordato e contenziosi in essere

Focus n. 143 - 2022

Autore: Marcello Ascenzi
Il concordato preventivo può arrivare alla fase di omologa prima della conclusione dei contenziosi che il debitore ha in essere e, quindi, prima che siano accertati, in maniera definitiva, i diritti di credito delle parti in causa. La questione richiede una particolare attenzione nel caso i diritti di credito oggetto di controversia siano di natura tributaria, in quanto si applica una specifica disciplina da coordinare con le norme previste per la generalità dei crediti contestati. I principi da utilizzare per stimare i crediti relativi a contenziosi in essere saranno sia quelli contabili, genericamente previsti per la redazione del bilancio, sia quelli per la redazione dei piani di risanamento, tenendo altresì in considerazione i principi di attestazione.

Indice argomenti

  • Premessa
  • Crediti contestati nella procedura di concordato preventivo
  • Credito contestati regole generali ai fini del piano
  • Criteri di valutazione e inserimento del credito contestato
  • Valutazione del fondo da parte del tribunale e deposito delle somme a copertura
  • La speciale disciplina per i crediti fiscali
  • Riferimenti normativi
Per sbloccare i contenuti, Abbonati ora o acquistali singolarmente.
  • Piano di concordato e contenziosi in essere (257 kB)
Piano di concordato e contenziosi in essere
€ 5,00

(prezzi IVA esclusa)

 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
Iscriviti alla newsletter
Fiscal Focus Today

Rimani aggiornato!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, e ricevi quotidianamente le notizie che la redazione ha preparato per te.