Registrati ora
Abbonamenti

Casi Fiscali

20 febbraio 2020
Categorie: Immobili > Estromissione

Estromissione beni imprenditori individuali. L’omessa compilazione del quadro RQ

Autore: Andrea Amantea
esperto risponde dubbio domanda quesito
Domanda - Ai fini dell’estromissione agevolata degli immobili dell’imprenditore individuale, si chiede di sapere se l’omessa compilazione del quadro RQ può essere sanata tramite apposita dichiarazione integrativa; in caso di risposta affermativa, quali sono le tempistiche da rispettare?

Risposta - La Legge n°160/2019, Legge di Bilancio 2020, ha riproposto l’estromissione agevolata dei beni dell’imprenditore individuale, operazione che comporta il passaggio dei beni strumentali (per natura o per destinazione) dalla sfera imprenditoriale a quella privata.
Possono avvalersi dell’agevolazione in commento i soggetti che alla data del 31 ottobre 2019 rivestono la qualifica di imprenditore individuale e la conservano fino al 1° gennaio 2020, data a partire dalla quale, in via retroattiva, assume rilevanza l’esclusione dei beni immobili dal patrimonio dell’impresa.

L’esclusione dal patrimonio dell’impresa riguarda i beni immobili (Circolare 26/E 2016):
  • strumentali per destinazione, che sono utilizzati cioè esclusivamente per l’esercizio dell’impresa indipendentemente dalle caratteristiche specifiche;
  • strumentali per natura, cioè “che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni” e che si considerano strumentali anche se non utilizzati direttamente dall’imprenditore o anche se dati in locazione o comodato.

L’utilizzo, ossia la strumentalità del bene, va rilevato alla data del 31 ottobre 2019.

Venendo al suo quesito, ai fini dell’estromissione agevolata rileva il comportamento concludente posto in essere dall’imprenditore individuale ossia può considerarsi tale, la contabilizzazione dell’estromissione sul libro giornale (nel caso di impresa in contabilità ordinaria) oppure sul registro dei beni ammortizzabili (nel caso di impresa in contabilità semplificata) entro il 31 maggio 2020. L’operazione si considera perfezionata con l'indicazione in dichiarazione dei redditi dei valori dei beni estromessi e della relativa imposta sostitutiva (cfr. Risoluzione n. 82/E del 30 marzo 2009).

Detto ciò, l’eventuale mancata compilazione del quadro RQ del Modello Redditi PF, sezione XXII, relativo all'operazione di estromissione dei beni, può essere sanata al più̀ tardi entro i termini di cui all'articolo 2, comma 7, del D.P.R. n. 322 del 1998, ossia entro novanta giorni dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione dei redditi che il contribuente avrebbe dovuto regolarmente compilare.

Indicazioni operative fornite con la Circolare 26/E 2016.
.
FASCIA FISCAL CONSULTING
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata