Registrati ora
Abbonati

News 24

14 settembre 2021

Ore 09:15 - Italia verso la ripartenza: terza dose e green pass obbligatorio per tutti i lavoratori

L’Italia vuole far ripartire in sicurezza sia la scuola che il lavoro, e dunque, dal 20 settembre avrà inizio la somministrazione della terza dose di vaccino, come indicato, in comune accordo, da Figliuolo e Speranza. La priorità spetterà ai pazienti delle Rsa e agli over 80.

Il secondo passo sarà quello di estendere il green pass a tutti gli impiegati del settore pubblico e del privato. Secondo Draghi, infatti, è necessario vaccinare i 3 milioni di lavoratori che non sono ancora immunizzati, per far ripartire l’economia in sicurezza.

Nel frattempo, in vista della presentazione del nuovo decreto, al ministero del Lavoro si continua a lavorare in modo da trovare un punto d’incontro tra i sindacati e Confindustria sull’obbligatorietà del green pass. Il timore dei sindacati è che gli imprenditori approfittino di tale obbligo per attenuare le norme di sicurezza, che intaccano, leggermente, la produzione. In merito, il ministro del lavoro, Andrea Orlando, ha assicurato che i protocolli di sicurezza, approvati il 6 aprile, sono inderogabili.

La cabina di regia dovrebbe essere convocata per giovedì 16 settembre, nella stessa giornata, si potrebbe dare il via al nuovo decreto. Tuttavia, ci potrebbe essere il rinvio alla prossima settimana, in modo da includere in unico provvedimento, l’obbligatorietà sia per il pubblico che per il privato.

In merito, Brunetta, ministro della Pubblica amministrazione, ha proposto di estendere la normativa a tutti i dipendenti, anche a coloro che non lavorano a contatto con il pubblico. In tal caso, i capo ufficio dovrebbero verificare la documentazione tramite un app fotocopia.
Infine, il Presidente della conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha chiesto di eliminare i limiti di capienza per cinema e teatri, dove è necessario il certificato verde per entrare.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.