Registrati ora
Abbonamenti

News 24

3 giugno 2020

Ore 11:00 - Decreto Rilancio: domande per emersione rapporti di lavoro irregolari

Inps

L’articolo 103, decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio), al fine di favorire l'emersione di rapporti di lavoro irregolari, ha previsto, per i datori di lavoro italiani o cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea, ovvero per i datori di lavoro stranieri in possesso del titolo di soggiorno, la possibilità di presentare un’istanza per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato irregolare con cittadini italiani o dell’Unione europea.

Con la circolare INPS 31 maggio 2020, n. 68, l’Istituto fornisce le prime istruzioni operative relative agli adempimenti e alle modalità con cui possono essere presentate le istanze di competenza dell’INPS.
Destinatari della norma sono i soli datori di lavoro la cui attività rientra nei seguenti settori produttivi:

agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o disabilità che ne limitino l’autosufficienza;
lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.
La domanda può essere presentata, esclusivamente in modalità telematica, tramite il servizio online a decorrere dal 1° giugno e fino al 15 luglio 2020.

Nella circolare sono precisati tutti i settori di attività dei datori di lavoro destinatari e le esclusioni, le tipologie e le caratteristiche del lavoro subordinato irregolare che può essere regolarizzato e i contenuti di redazione della domanda, obbligatori a pena di inammissibilità.

In caso di esito positivo all’accoglimento della domanda di emersione, i datori di lavoro provvederanno a effettuare gli adempimenti informativi e i versamenti contributivi relativi ai lavoratori interessati, secondo le indicazioni che saranno fornite con successiva circolare.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.