Registrati ora
Abbonati

News 24

30 aprile 2021

Ore 8:35 - Il Fondo nuove competenze, risultati e aspetti operativi al Festival del lavoro 2021

Anpal

Molte le tematiche affrontate nella prima giornata del Festival del lavoro, svolta il 28 aprile 2021: il Fondo nuove competenze e i primi risultati raggiunti è stato al centro dell’incontro promosso da Anpal.
Il Fondo nuove competenze è uno strumento che ha suscitato particolare interesse presso le imprese e i consulenti del lavoro, che le accompagnano nel suo utilizzo. Si tratta infatti di uno strumento di politica attiva che interviene per supportare le aziende e i lavoratori in questa fase critica di ripresa, anche in un’ottica di prevenzione. Importante in questo momento lo sviluppo delle competenze attraverso la formazione che è mirata alle persone, per colmare i nuovi fabbisogni delle imprese.

“Il Fondo nuove competenze è prossimo all’esaurimento delle risorse, ma ciò non significa che è destinato a finire, anzi. Ciò testimonia il successo dell'iniziativa, abbiamo infatti comunicato la notizia degli ulteriori finanziamenti di circa un miliardo e mezzo, grazie al Programma React Eu” chiarisce Paola Nicastro, direttrice generale di Anpal.

I dati sull'andamento del Fondo sono infatti soddisfacenti: le domande pervenute sono state molte, circa 2.500 istanze sono state approvate per un totale complessivo di circa 177.000 lavoratori coinvolti in corsi di formazione che equivalgono a più di 18 milioni di ore di formazione. Un impatto in termini di partecipazione elevatissimo, ha affermato Nicastro, che ha anche comportato un grande lavoro da parte di Anpal e delle Regioni che valutano i piani formativi inviati dalle aziende e dalle altre realtà.

“Il primo pilastro del Fondo punta a sostenere i datori di lavoro costretti ad affrontare il cambiamento: grazie alla rimodulazione dell’orario di lavoro si destinano delle ore per attività formativa. Il secondo pilastro è il percorso formativo: gli obiettivi formativi devono essere chiari e definiti, per attuare il percorso” spiega Ferlito.

Molto importante è quantificare adeguatamente le ore e individuare i lavoratori per poter presentare l’istanza. “Da alcune settimane è operativo il sistema online per presentare le istanze, disponibile su MyANPAL e accessibile con Spid. Ciò porta – aggiunge Ferlito - a un’accelerazione nei tempi di risposta e a una semplificazione delle attività”.

Si è parlato anche del progetto formativo, valutato dalla Regione competente. L’istruttoria viene svolta da Anpal con il supporto delle Regioni. Il contributo avviene in due momenti, Inps eroga un’anticipazione pari al 70% e mentre il saldo avviene al termine delle attività, dopo aver inviato la richiesta di saldo con l'attività svolta.

“I destinatari sono i datori di lavoro privati, viene rimborsato il costo del lavoro, quindi la parte retributiva e contributiva, per lo sviluppo delle competenze di lavoratrici e lavoratori. Le ore per singolo lavoratore sono 250 e il percorso formativo può essere svolto in 90 giorni di lavoro. Se l’istanza è presentata dai Fondi interprofessionali o l’azienda fa ricorso ai Fondi, la durata può essere di 120 giorni” conclude Raffaella Croce, di AnpalServizi.

Numerose le domande a valle del webinar, tra cui il chiarimento sui costi della formazione a carico delle imprese che possono avvalersi del Fondo interprofessionale.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.