Registrati ora
Abbonati

Economia & Società

4 maggio 2021

In Italia green pass da metà maggio: i primi passi per la ripresa del turismo

viaggi estero turismo partenze
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, introduce la conferenza stampa della Riunione ministeriale del G20 Turismo.
La Presidenza italiana mira all’identificazione delle politiche necessarie per il ritorno alla normalità e per assicurare il rilancio di una crescita sostenibile e inclusiva.

Tra le principali novità, il Premier, annuncia la piena operatività del pass verde nazionale che permetterà alle persone di muoversi liberamente tra le Regioni. Quest’ultimo entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio, anticipando quello europeo.

In Europa, infatti, il certificato verde sarà pienamente operativo dalla seconda metà di giugno. Grazie al pass, i turisti saranno in grado di spostarsi da un Paese all’altro senza quarantena, a patto che potranno dimostrare di essere guariti dal Covid, di essere vaccinati, o di essere negativi a un tampone. La prima priorità è quella di garantire una mobilità sicura, e per fare ciò diventa fondamentale ripristinare la fiducia nei confronti del turismo internazionale.

L’Italia è un Paese che vive di turismo, e le parole del Presidente lasciano trasparire il desiderio di ripresa e riscatto di una Nazione fortemente colpita dall’emergenza sanitaria:
  • “Purtroppo, la pandemia ci ha costretti a chiudere temporaneamente, ma noi siamo di nuovo pronti a ospitare il mondo. Le nostre montagne, le nostre spiagge, le nostre città, le nostre campagne stanno riaprendo. Alcuni settori sono destinati a restringersi, ma altri a crescere. E io, come ho già detto, non ho dubbi che il turismo tornerà come prima, più forte di prima.

È importante sottolineare che, contemporaneamente a questi cambiamenti, il Governo continua a garantire un sostegno all’industria turistica, la quale, come ormai noto, è stata fortemente colpita dalle misure restrittive anti-contagio.

Il settore turistico svolge un ruolo cruciale nella ripresa economica e sociale del Paese, diventa importante renderlo più inclusivo e sostenibile, essenziale per la protezione dell’ambiente e per il coinvolgimento delle comunità locali.

L’Italia con queste nuove linee guida, sembra essere nella posizione giusta con l’auspicio di ripresa di un settore così importante.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.