1 febbraio 2022
Gigliotti_02_400x400.png

Potrebbe interessarti anche:

Quotidiano
29 gennaio 2022

Basta!

Leggi l'articolo
Quotidiano
2 luglio 2022

Capiamoci

Leggi l'articolo
1 febbraio 2022

#BASTA!

“Ho lavorato sino al giorno prima del parto e dopo una settimana in studio”, “Si sono rotte le acque proprio in ufficio”, “Il livello di disagio e disperazione che stiamo vivendo è insostenibile”.

Autore: Direttore Antonio Gigliotti
Cari amici,
In questi giorni ho letto tutte le incredibili storie di gravidanza che decine e decine di colleghe professioniste hanno inoltrato al Centro Studi Fiscal Focus. E sarei banale nel dire di essermi profondamente commosso. La verità è che quelle testimonianze raccontano l’indicibile forza e l’impareggiabile dignità delle donne. Ma anche la profonda ingiustizia che in molti casi devono ancora affrontare nell’arco della loro vita, soprattutto nella sfera professionale.

A fronte di questa volontà di parlare e di raccontare il proprio disagio nella concreta difficoltà di sapere conciliare la vita lavorativa con uno dei momenti che per una donna dovrebbe essere annoverato tra i più belli sono più volte stato messo di fronte alla totale assenza di un canale attraverso cui possa loro essere data una voce.

Tutelare la gravidanza di una donna, e quindi valorizzare un momento di preziosa fragilità, non significa soltanto tutelare la creatura che ha in grembo. Ma, in qualche modo, vuol dire anche proteggere il nostro futuro.

Per troppo tempo ci si è nascosti dietro al fatto che un libero professionista non possa avere tutele ed in un certo senso scelga di non averne.
Un tabù che la stessa Legge di Bilancio 2022 ha di fatto mandato in pensione attraverso l’emendamento che ora garantisce la malattia dei professionisti. Un emendamento per cui il nostro Centro Studi si è battuto in prima linea con prorompente vigore dopo l’immane tragedia testimoniata dalla malattia della nostra collega Anna Imbruncè.

Tutto ciò che esiste è stato prima pensato, sognato, desiderato.

Allora, su questa premessa, non possiamo rimanere inerti di fronte a colleghe a cui si sono rotto le acque in ufficio, oppure che hanno partorito nella stessa notte dell’ultimo giorno di lavoro, o che pianificano il parto sulla base delle scadenze del calendario fiscale.

Una collega in un commento scrive: “Il livello di disagio e disperazione che stiamo vivendo è insostenibile”.

Ecco, è arrivato il momento di dire #basta!, di chiudere un capitolo triste e forse tragico per la nostra professione.

Ed il Centro Studi Fiscal Focus farà in modo che alle donne che svolgono il nostro lavoro sia data abbastanza voce per fare in modo che a dire #basta! non siano solo le professioniste, ma anche le associazioni di categoria, i sindacati e le istituzioni.

#BASTA!
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata

Potrebbe interessarti anche:

Quotidiano
29 gennaio 2022

Basta!

Leggi l'articolo
Quotidiano
2 luglio 2022

Capiamoci

Leggi l'articolo
Iscriviti alla newsletter
Fiscal Focus Today

Rimani aggiornato!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, e ricevi quotidianamente le notizie che la redazione ha preparato per te.