Registrati ora
Abbonamenti

Casi Fiscali

13 gennaio 2021
Categorie: Regimi speciali > Regime Forfettario

Bonus IRPEF: vanno inclusi anche i redditi in regime forfettario

Autore: Serena Pastore
esperto risponde dubbio domanda quesito
Domanda - Ai fini della spettanza o meno del trattamento integrativo, in caso di presenza di redditi di lavoro autonomo in regime forfettario questi vanno considerati nella determinazione del reddito complessivo?

Risposta - La risposta è positiva. Prima di tutto si ricorda che il trattamento integrativo, consistente sostanzialmente nella rimodulazione del bonus Irpef, riconosce un trattamento ai titolari di reddito di lavoro dipendente e di alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, la cui imposta lorda, determinata su detti redditi, sia di ammontare superiore alle detrazioni da lavoro spettanti.

Tale trattamento, determinato in rapporto al numero di giorni lavorativi a partire dal 1° luglio 2020, è pari a 600 euro per il 2020 e 1.200 euro per il 2021, e spetta soltanto se il reddito complessivo del potenziale beneficiario non è superiore a 28.000 euro.

Nella Circolare n.29/2020 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che qualora il contribuente, titolare di redditi che consentono la fruizione del beneficio fiscale, produca anche redditi di lavoro autonomo in regime forfettario, tali redditi devono essere considerati nella determinazione del reddito complessivo ai fini della verifica della spettanza del trattamento integrativo, stante la previsione dell’articolo 1, comma 75, della legge n. 190/2014 secondo cui “quando le vigenti disposizioni fanno riferimento, per il riconoscimento della spettanza o per la determinazione di deduzioni, detrazioni o benefìci di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, al possesso di requisiti reddituali, si tiene comunque conto anche del reddito assoggettato al regime forfettario”.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata