Registrati ora
Abbonamenti

Infostudio Lavoro

12 giugno 2020
Categorie: Finanziaria > Covid - 19

Linee guida centri estivi

Infostudio Lavoro n. 30 - 2020

asilo nido bambini infanzia
Gentile Cliente,
“L’emergenza sanitaria determinatasi in conseguenza della diffusione epidemica del COVID-19 ha reso necessari provvedimenti di protezione che hanno limitato fortemente, in particolare nella cosiddetta fase 1 dell’emergenza, la possibilità di movimento al di fuori del contesto domestico. In particolare, con la sospensione di tutte le attività educative e scolastiche in presenza, si è limitata drasticamente la possibilità di svolgere esperienze al di fuori del contesto domestico e familiare per i bambini e gli adolescenti. Sebbene le esigenze di garantire condizioni di sicurezza e di salute per la popolazione abbiano positivamente giustificato i provvedimenti restrittivi di cui sopra, una delle conseguenze degli stessi è stata quella di incidere fortemente su quelle condizioni di ordinario benessere dei bambini e degli adolescenti che si legano strettamente a diritti fondamentali come quelli all’incontro sociale fra pari, al gioco ed all’educazione”.
Sulla base delle considerazioni di cui sopra sono state elaborate linee guida di comportamento, che prevedono la riapertura dei servizi scolasti e ricreativi, pur con la consapevolezza che la fase di emergenza e contagio non sono azzerate.
“In particolare, ci si riferisce:
1) alla riapertura regolamentata di parchi e giardini pubblici per la loro possibile frequentazione da parte di bambini anche di età inferiore ai 3 anni ed adolescenti con genitori o adulti familiari, anche non parenti;
2) alla realizzazione di attività organizzate per bambini di età superiore ai 3 anni ed adolescenti, con la presenza di operatori addetti alla loro conduzione, nel contesto di parchi e giardini, anche attraverso sperimentazioni innovative nell’orizzonte dell’outdoor education;
3) alla realizzazione di progetti di attività ludico-ricreative – i centri estivi – per bambini di età superiore ai 3 anni ed adolescenti, con la presenza di operatori addetti alla loro conduzione, utilizzando le potenzialità di accoglienza di spazi per l’infanzia e delle scuole o altri ambienti similari.

La finalità perseguita di ripristinare le condizioni per l’esercizio da parte di bambini e degli adolescenti del diritto alla socialità ed al gioco anche oltre i confini della dimensione domestica e familiare si intreccia fortemente con le problematiche inerenti alla conciliazione delle dimensioni di cura e lavoro da parte dei genitori. Questi ultimi sono infatti chiamati, con maggiore intensità a partire dalla fase 2 a riprendere le proprie attività di lavoro. Per questo motivo, non potrà che provvedersi a selezionare la domanda tenendo conto anche delle effettive esigenze delle famiglie in quanto legate al tema della conciliazione.

Certi di aver fatto cosa gradita, restiamo a disposizione per una consulenza dettagliata.
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
  • Linee guida centri estivi (569 kB)
Linee guida centri estivi - Infostudio Lavoro n. 30 - 2020€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.