10 giugno 2022

Il militare atleta non è «vittima del dovere»

L’infermità causata da un contatto fisico che è tipico dell'attività sportiva praticata non vale a far guadagnare lo status di vittima del dovere

GiusLavoro n. 32 - 2022

Autore: Paola Mauro
La Corte di Cassazione ha affermato che, quando, nell'ambito di competizioni internazionali, il rischio cui è esposto l'atleta militare è quello tipico (comune cioè) a ogni sportivo della disciplina praticata, l'eventuale infermità, se riportata quale conseguenza di un contatto fisico tra i giocatori, correlato esclusivamente all'attività sportiva, non vale a far guadagnare, a chi ne è colpito, la condizione di vittima del dovere, con la relativa tutela ex art. 1 L. n. 266/2005, e il comportamento del competitore non è riconducibile alla nozione di «azione recata».

Indice argomenti

  • Premessa
  • Inquadramento normativo
  • Il caso in sintesi
  • La decisione della S.C.
  • Liquidazione spese del giudizio in favore del Ministero
Per sbloccare i contenuti, Abbonati ora o acquistali singolarmente.
  • Il militare atleta non è "vittima del dovere" (274 kB)
Il militare atleta non è «vittima del dovere»
€ 4,00

(prezzi IVA esclusa)

 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
Iscriviti alla newsletter
Fiscal Focus Today

Rimani aggiornato!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, e ricevi quotidianamente le notizie che la redazione ha preparato per te.