3 novembre 2022

Rifiuto di eseguire mansioni inferiori. Stop al licenziamento

La proporzionalità del rifiuto e la buona fede del dipendente rendono illegittima la sanzione espulsiva

GiusLavoro n. 52 - 2022

Autore: Paola Mauro
Il dipendente che si è rifiutato di eseguire mansioni inferiori e diverse da quelle proprie della sua qualifica, non può essere licenziato. È quanto emerge dalla lettura di una recente sentenza della Corte di Cassazione, che conferma la decisione del Giudice di secondo grado in punto di tutela reintegratoria ex art. 18 Stat. Lav. per insussistenza del fatto contestato.

Indice argomenti

  • Premessa
  • Il caso
  • Tutela reintegratoria per liceità della condotta
Per sbloccare i contenuti, Abbonati ora o acquistali singolarmente.
  • Rifiuto di eseguire mansioni inferiori. Stop al licenziamento (207 kB)
Rifiuto di eseguire mansioni inferiori. Stop al licenziamento - La proporzionalità del rifiuto e la buona fede del dipendente rendono illegittima la sanzione espulsiva
€ 4,00

(prezzi IVA esclusa)

 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
Iscriviti alla newsletter
Fiscal Focus Today

Rimani aggiornato!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, e ricevi quotidianamente le notizie che la redazione ha preparato per te.