21 settembre 2022

La cessione delle ferie solidali

Previsioni normative e bozza di contrattazione aziendale per l’ampliamento della platea dei beneficiari

Lavoro & Previdenza n. 48 - 2022

Autore: Ketti Fisichella
L’istituto delle ferie solidali è stato introdotto dal decreto legislativo n. 151 del 2015 (art. 24) in attuazione della delega contenuta nell’art. 1, c. 9, lett. e) della legge n. 183 del 2014. Il legislatore ha quindi previsto un sistema solidale di cessione di ferie e riposi tra colleghi - dipendenti occupati nella stessa azienda - al fine di permettere l’assistenza di figli minorenni che si trovano in condizioni di salute gravi e che richiedono un’assistenza costante. Di seguito si propone l’analisi della normativa e, stante la finalità solidale della norma, una bozza di contrattazione di secondo livello, da poter stipulare per ampliare la platea dei beneficiari, includendo sia i colleghi di lavoro affetti da patologie gravi e documentate e vicini al raggiungimento del periodo di comporto che il coniuge e/o parte dell’unione civile.

Indice argomenti

  • Premessa
  • Previsioni normative e di prassi sulle Ferie
  • La cessione delle ferie solidali
  • Bozza di contrattazione di secondo livello per cessione ferie solidali
Per sbloccare i contenuti, Abbonati ora o acquistali singolarmente.
  • La cessione delle ferie solidali (244 kB)
La cessione delle ferie solidali - Previsioni normative e bozza di contrattazione aziendale per l’ampliamento della platea dei beneficiari
€ 4,00

(prezzi IVA esclusa)

 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata
Iscriviti alla newsletter
Fiscal Focus Today

Rimani aggiornato!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter, e ricevi quotidianamente le notizie che la redazione ha preparato per te.