Registrati ora
Abbonamenti

L'esperto risponde

29 ottobre 2019
Categorie: Iva > E-Fattura

E-fattura con operazioni soggette ad IVA e non

Autore: Redazione Fiscal Focus
esperto risponde dubbio domanda
Domanda
Un mio cliente è una società c.d. “letturista” che svolge l’attività di conteggio delle spese condominiali per approvvigionamento idrico e riscossione dai singoli condomini delle quote di competenza. Poiché il contatore del consumo idrico del condominio è unico e l’ente distributore emette una sola fattura (soggetta all’IVA) nei confronti del condominio in relazione ai consumi complessivi registrati dal contatore condominiale, il mio cliente ha il compito di ripartire detta spesa proporzionalmente tra i condomini e di raccogliere da ciascuno la provvista per pagare la fattura. Poiché con la fattura sono documentate sia operazioni soggette ad IVA (il corrispettivo per il servizio svolto) sia operazioni già assoggettate a IVA (la ripartizione delle spese per il servizio idrico), il documento è esente da imposta di bollo.

Come va compilata la fattura elettronica? E la componente di spesa per il servizio idrico addebitata a ciascun condomino, calcolata proporzionalmente sulla somma al lordo dell’IVA fatturata al condominio dalla società distributrice, come va qualificata?

Risposta
Nel caso in esame, risulta che le fatture emesse dal suo cliente nei confronti di ciascun condomino si compongono di due voci:
  • il corrispettivo soggetto ad IVA ordinaria per la prestazione di letturista;
  • la quota dell’importo fatturato al condominio dalla società distributrice addebitabile al singolo condomino, che il suo cliente ha incarico di riscuotere e riversare alla società distributrice.

Per quanto concerne il corrispettivo per la prestazione di letturista svolta dall’istante, si conviene che a tali somme si applica il regime di esenzione dall’imposta di bollo in quanto trattasi di corrispettivi relativi ad operazioni assoggettate ad IVA.

Per quanto concerne la somma addebitata al singolo condomino, risulta che tra i singoli condomini, l’amministratore del condominio e l’istante si configura un rapporto di mandato con rappresentanza e successiva delega per la ripartizione delle spese.

Nel mandato con rappresentanza torna applicabile la disciplina contenuta nell’articolo 15, comma 1, n. 3, del DPR n° 633/1972 in base alla quale “Non concorrono a formare la base imponibile: […] le somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate”.

Nel caso di specie il singolo condomino (mandante) corrisponde anticipatamente all’istante (delegato) le somme per l’esecuzione del mandato con rappresentanza (pagamento nei confronti della società distributrice il servizio idrico).

Tali importi sono qualificabili come “provvista fondi” per l’esecuzione del mandato e, pertanto, non costituiscono base imponibile.
Pertanto il suo cliente potrà predisporre ed emettere le fatture elettroniche indicando:
  • nel campo “somme imponibili IVA”, in esenzione da bollo, il corrispettivo corrispondente alla prestazione di letturista;
  • nel campo “NI escluso IVA ex art. 15”, in esenzione di bollo, la provvista necessaria per eseguire il pagamento nei confronti della società fornitrice del servizio idrico.

Inoltre, sarà necessario inserire nel tab “dati beni servizi” – campo “descrizione”, l’indicazione che trattasi di documenti emessi in relazione al pagamento di corrispettivi di operazioni già assoggettate ad IVA, ovvero che trattasi di ricevute di addebito di spese condominiali esenti da bollo anche ai sensi dell’articolo 13, comma 1, nota 3, della Tariffa A allegata al DPR n° 642 del 1972.
.
fascia Quaderno "FATTURE IMMEDIATE E DIFFERITE "
 © Informati S.r.l. – Riproduzione Riservata